Simbologia di rane e rospi

Manuel G | 23 Novembre 2020

rospi

Si dice che quando una rana incrocia il nostro cammino è l'occasione ideale per una transizione. La rana è infatti un tipo di animale soggetto a numerosi cambiamenti durante le sue fasi vitali, proprio come gli esseri umani.

Uno dei gruppi che più si può identificare con questo animale è quello degli adolescenti, i quali infatti, al pari della rana, vivono maggiormente il processo evolutivo e di accrescimento e il passaggio intermedio tra la gioventù e l'età adulta all'interno della società.

Per molte culture il simbolismo maggiore della rana ha a che fare con la fertilità: fatto che potrebbe sembrare non del tutto sorprendente, dato che molti animali vengono associati alla fertilità, ma nel caso della rana questa relazione è molto più prominente. A causa della gran quantità di uova che la rana è in grado di deporre, in molte culture è stata sempre vista non solo come animale fertile, ma anche come simbolo di abbondanza.

Alcuni degli elementi e parole chiave associate alle rane sono: fortuna, purezza, rinascita, rinnovamento, fertilità, leadership, transizione, sogno o mondo onirico, opportunità, intermediazione e processo di metamorfosi. In Egitto, Heket era un dio con testa di rana che veniva relazionato alla fertilità e alla nascita.

Per quanto riguarda la simbologia celtica bisogna dire che la rana è stata vista come signora proprietaria della terra e a causa del suo legame con l'acqua e la pioggia, è sempre stata associata dai celti al potere curativo e di guida.

Da un punto di vista europeo, invece, il significato che si dà a questo animale è legato alle sue fasi di sviluppo, ovvero il percorso che da uovo la trasforma poi in girino e, infine, in rana. Per questa ragione, in quanto simbolo di risurrezione ed evoluzione spirituale, per i cristiani la rana è considerata un simbolo della Santissima Trinità e della Risurrezione: questa connessione è visibile anche in molte opere d'arte.

In Cina la rana viene considerata come emblema dell'energia del Yin (in relazione allo Ying e Yang) e vista come simbolo di fortuna. Il feng shui (pratica di rilassamento), infatti, raccomanda di apporre l'immagine di una rana in una finestra, in modo da favorire la fertilità e una vita familiare felice.

Così come accade per molti altri animali legati ad una simbologia di dualità, anche l'energia della rana viene inoltre considerata come una relazione tra la vita e la morte.

In Giappone la rana viene vista come simbolo di fortuna, soprattutto per i viaggiatori: per loro le immagini o gli amuleti che rappresentano questo animale sono considerati elementi di buona sorte, in particolar modo se il viaggio prevede di attraversare un fiume o un mare. Si dice inoltre che nella lingua giapponese la parola che si utilizza per dire “rana” sia la stessa che si usa per dire “ritorno” o “tornare” ed è per questo che i viaggiatori possono portare con se l'immagine di questo animale come amuleto per tornare dal viaggio in maniera sicura. Questo amuleto viene in genere portato anche all'interno dei portafogli per non perdere il denaro che vi è contenuto.

Gli induisti vedono la rana in maniera ancora più profonda: essi credevano infatti che le rane erano le incaricate della protezione del mondo all'interno dello spazio e che, in particolare, rappresentavano l'oscurità.

Alcuni dei momenti della nostra vita in cui le rane, viste come amuleti, ci potrebbero aiutare sono: quando ci troviamo ad attraversare diverse transizioni relative alle fasi della vita; quando abbiamo bisogno di un elemento che favorisca la sicurezza quando viaggiamo; quando vogliamo migliorare la nostra intuizione, forza e connessione con il mondo spirituale.

Scrivi qui il tuo commento